Japan highlights.

E’ stata un’estate piena di emozioni e scoperte, degna di un periodo precedente in cui la mia vita ha avuto dolci rivoluzioni di abitudini con il matrimonio e la nostra nova casa. La nostra luna di miele forse non è stata di quelle classiche, ma si è realizzato un desiderio che avevo da anni, di visitare il Giappone, che si è trasformato in un’idea di viaggio che fosse fisicamente ed emozionalmente “il nostro viaggio”. Certo il relax post tour c’è stato con pochi ma super rilassanti giorni alle Maldive, in cui abbiamo metabolizzato e recuperato la nostra nuova dimensione oltre che a godere di un paradiso naturale di un luogo diverso ma altrettanto meraviglioso.

Il Giappone è un luogo e un non luogo al tempo stesso, tradizione e modernità convivono stridenti ma inevitabili, come il risultato di un evoluzione necessaria, per una forte identità culturale che necessariamente influenza le dinamiche di un iper futurismo urbanistico e antropologico, non senza effetti collaterali, come sempre succede nelle metropoli e agli uomini e le donne che vi abitano.

Sul mio profilo Instagram ho creato una galleria con l’hashtag #ilmiodiariogiapponese in cui potete guardare le foto più significative che ho condiviso, oltre a curiosità e consigli che spero presto di approfondire in un ideo su Youtube. Intanto qui posto alcune foto di dettagli di un’immagine generale che si è costruita per i nostri occhi e le nostre emozioni di questo bellissimo posto, assolutamente da vistare.

Le strade di Tokyo, di cui un’immagine stereotipata ci viene dal meraviglioso film di Sophia Coppola, dove lo sguardo si perde tra architetture che sfidano le distanze e la gravità, masse di persone che si spostano leggere e ordinate, insegne pubblicitarie che appaiono come disegni e codici da decifrare: ci si meraviglia, ci si cerca di aderire, ci si perde, ci si ritrova. L’energia dei grattacieli di Tokyo e la pace dei giardini zen di Kyoto, il pieno e i vuoto, la realtà e la contraddizione creano l’armonia di un Giappone moderno tutto da sperimentare, capire e non assaggiare solo in superficie.CIMG0077

CIMG0478CIMG0386strade tokyoDolcetti ben confezionati, la pelle bianca come il borotalco, i wc tecnologici, le carte per l’origami, i furoshiki, le bentobox, i giardini zen, i ventagli, le bottigliette di tè verde nei distributori automatici, le macchine a forma di scatolette, le ciotole di riso e il sushi anche a colazione, i colossi Sony, Panasonic, Mitsubishi, Casio, il mondo kawaii (carino) di Harjuku, i manga, le anime e i cartoni animati della generazione degli anni Ottanta, i videogiochi alienanti, il karaoke e le geishe. Questo è il paese dei rituali, della semplicità e della semplificazione, ma questo è anche il paese di Hello Kitty.
CIMG0285 CIMG0491 CIMG1375 CIMG0332 CIMG0557
CIMG0489CIMG1370CIMG0608CIMG0722CIMG0613CIMG0789CIMG0891CIMG1034CIMG1039CIMG1047CIMG1067CIMG1398CIMG1143CIMG1121CIMG1136

Annunci

3 thoughts on “Japan highlights.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...